image

NEXT MOBILITY EXIBITION 2024. MEZZI E SOLUZIONI PER REALIZZARE LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

LEGGI IL COMUNICATO
image

NEXT MOBILITY EXIBITION 2024. MEZZI E SOLUZIONI PER REALIZZARE LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

LEGGI IL COMUNICATO

Il Comitato tecnico scientifico e le Associazioni di categoria protagonisti di NME
image
Agens, Anav e Asstra rinnovano il supporto al progetto NME, il Professor Pierluigi Coppola riconfermato presidente del Comitato Tecnico Scientifico.

A meno di 10 mesi da Next Mobility Exhibition 2024 fervono i preparativi per definire i focus del progetto e costruire un calendario di eventi e dibattiti in cui verranno analizzate le problematiche e le potenzialità del settore della mobilità collettiva. A proporre i focus della tre giorni milanese sulla base dei quali verrà sviluppato il progetto di mostra, il Comitato Tecnico Scientifico di NME presieduto, anche per questa edizione, dal Professor Pierluigi Coppola (Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica). Un comitato in cui siedono le associazioni di categoria (Agens, Anav e Asstra) insieme a numerosi altri soggetti che rappresentano, nel loro insieme, l’intero mondo del trasporto.

La presenza nel Comitato dei tre Presidenti delle associazioni datoriali, che insieme rappresentano il 95% del mercato italiano del trasporto con bus, costituisce un valore distintivo per un Salone diventato, da subito, un punto di riferimento del settore.

«Stiamo vivendo un momento di grandi cambiamenti epocali e sistemici e la mobilità delle persone non ne è esente. Il trasporto pubblico deve affrontare la transizione energetica e quella digitale che, grazie ai fondi messi a disposizione del PNRR, hanno avuto una forte accelerazione. - dichiara Arrigo Giana, Presidente di Agens - Questa è una sfida che non possiamo perdere, abbiamo l’opportunità di cambiare e migliorare in primis il servizio ai cittadini.  Inoltre, le aziende che punteranno sull’innovazione saranno in grado di competere anche sul piano europeo. Ma per realizzare tutto questo, le aziende devono essere in condizioni di fare sistema e di poter essere parte del tessuto industriale. Siamo convinti che la prossima edizione di Next Mobility Exhibition sarà la piattaforma per un confronto tra aziende di trasporto, fornitori e istituzioni». Sulla stessa linea ANAV che rilancia sulla domanda. «Next Mobility Exhibition costituisce un’occasione fondamentale per la crescita dell’intero sistema della mobilità collettiva che genera, ogni anno circa 10 miliardi di euro di fatturato», dichiara Nicola Biscotti, Presidente di Anav. «La nostra associazione rappresenta l’intero comparto del trasporto con autobus chiamato oggi a intercettare una domanda ancora appannaggio del mezzo privato. Come certificato da uno studio di Rina, che abbiamo presentato nel giugno scorso, il totale degli autobus in circolazione sul territorio nazionale incide solo per lo 0,7% delle emissioni climalteranti mentre la sola realizzazione dell’obiettivo di shift modale previsto nel PNNR, ovvero di trasferimento alla mobilità collettiva del 10% della mobilità privata motorizzata, sarebbe in grado di realizzare un risultato doppio, cioè pari alla riduzione del 1,7% del totale delle emissioni climalteranti. Per questo siamo convinti che momenti come Next Mobility Exhibition siano importanti per promuovere e rilanciare il nostro settore». Settore che crea valore dice Andrea Gibelli. «ASSTRA partecipa attivamente a fiere ed eventi nazionali ed internazionali che si impegnano a promuovere la mobilità collettiva quale soluzione di trasporto preferibile» dichiara Andrea Gibelli, Presidente Asstra. «Il trasporto pubblico è la spina dorsale della mobilità sostenibile, un comparto che crea valore per i territori, protagonista del processo di transizione ecologica e digitale del Paese. In questa fase della vita del Paese lo scambio e l‘approfondimento tipici delle fiere sono di straordinaria importanza per interpretare il cambiamento e mettere a terra i progetti del PNRR, una occasione irripetibile per rispondere ai nuovi stili di vita e ai nuovi bisogni di mobilità degli italiani».